LE STORIE

LAVORO

Per un po’ ho potuto godere di una quasi insignificante somma data da una piccola disoccupazione che stava per concludersi, poi ho dato fondo a tutti i risparmi. C’era chi mi diceva di godermi questo tempo da disoccupata, da “libera”… Ma come fai a rimanere spensierata e goderti quella “libertà” quando il pensiero fisso è: come pago le bollette? E l’affitto? La spesa? Per un po’ mi sono isolata, quasi “paralizzata”. Mi sentivo confusa, con la sensazione di quando al mare ...

SALUTE

Mi chiamo Armando sono un grafico. Alla fine del 2016 dopo un anno di mal di testa attribuiti allo stress lavorativo, vengo ricoverato alle Molinette con prognosi di un glioblastoma alla testa. Mi viene asportato il 90% del tumore e accetto una cura sperimentale per sconfiggere la restante parte. La chemioterapia funziona perfettamente! Il 29 gennaio 2018, tra le lacrime, i dottori mi dicono che sono praticamente guarito. Come conseguenza dell’operazione ho una limitazione neuronale alla ...

SEPARAZIONE

A 55 anni, con l’editoria in profonda crisi, mi trovo improvvisamente espulso dal mercato del lavoro. Tento di ricollocarmi facendo appello ai molti rapporti professionali costruiti in quasi 30 anni di carriera ma senza successo. La mia vita familiare aveva già vissuto difficoltà ma era ancora ricca di progettualità, serena ed anche agiata. Con la perdita del lavoro e le tensioni dovute alla precarietà economica e debiti a cui non riuscivo a far fronte, è iniziata la crisi con mia moglie....

VIOLENZA

Tutto sembrava andare bene nel nostro matrimonio. Anche se lui aveva un carattere litigioso e aggressivo ho sempre sperato che potesse cambiare e diventare più tranquillo, ma è riuscito a controllarsi fino ad un certo punto, poi è peggiorato.

FORMAZIONE

Mi chiamo Edwige, ho 28 anni e studio Medicina e Chirurgia all’Università di Torino. Vivo in Italia dal 2010. Vengo dal Camerun, da una famiglia numerosa: siamo 8 figli. Sono la prima e l’unica a studiare medicina in tutta la mia famiglia. Nel mio Paese fare Medicina non è permesso a tutti, soprattutto a giovani donne come me, e per questo i miei genitori sono molto orgogliosi di me, la loro figlia sarà tra poco medico. Quando sono arrivata in Italia mi sono iscritta, ho superato ...